fbpx

Blog categories

Comments

Qual è il film più spaventoso da vedere ad Halloween 2019?

L’emozione della paura vista da vicino.

Scopriamolo attraverso FEAR FACTOR, il kpi che misura l'intensità della paura.

Ormai ci siamo, Halloween la festa più spaventosa di tutte è alle porte! E voi avete deciso quale film vedere per passare una serata da brividi?

Per aiutarvi nella scelta abbiamo fatto un’analisi emotiva tra alcuni trailer selezionati per comprendere quale generasse maggiori emozioni e nello specifico maggior paura.

Abbiamo preso in considerazione i trailer di 4 film del 2019, alcuni già usciti nelle sale altri in procinto di farlo.

Soggetti dell’analisi

Image module
Noi

 

Tormentata da un trauma irrisolto del suo passato e sconvolta da una serie di inquietanti coincidenze, Adelaide sente crescere e materializzarsi la sua ossessione e capisce che qualcosa di brutto sta per accadere alla sua famiglia.

Clicca qui per vedere il trailer.

Image module
IT Capitolo 2

 

Derry, 2016. Alla fiera della città, Adrian Mellon, dopo essere stato pestato e buttato giù da un ponte da una gang di bulli per la sua omosessualità, viene brutalmente ucciso da un mostruoso clown davanti agli occhi del fidanzato, mentre un mare di palloncini riempie il canale.

Clicca qui per vedere il trailer.

Image module
Doctor Sleep

 

Ancora segnato dagli eventi che ha vissuto da bambino all’Overlook Hotel, il quarantenne Dan Torrance è da decenni in preda ai tormenti che sono sfociati nell’alcolismo. Dopo la distruzione dell’Overlook Hotel, decide di non usare più i suoi poteri psichici e si trasferisce nel New Hampshire. Qui conosce una ragazzina di nome Abra Stone con i suoi stessi poteri, chiamati “luccicanza”. Abra chiede il suo aiuto contro la spietata Rose e i suoi seguaci del “Vero Nodo”, che si nutrono della “luccicanza” alla ricerca dell’immortalità. L’alleanza tra Dan e Abra costringe l’uomo a riprendere i suoi poteri e a fare i conti con i fantasmi del suo passato.

Clicca qui per vedere il trailer.

Image module
Scary Stories to Tell in the Dark

 

Ambientato negli Stati Uniti durante il 1968, anno burrascoso nel quale tira un’irrequieta aria di cambiamento. Ma i tumulti che invadono l’America sembrano non toccare affatto la piccola cittadina di Mill Valley, sulla quale da diverse generazioni si distaglia l’oscura ombra dei Bellows, la cui dimora sorge ai margini della cittadella. Qui vive Sarah Bellows, che nasconde orribili segreti e ha alle spalle una vita straziante e angosciosa. La donna esorcizza la sua dolorosa esistenza nella stesura di un libro, un’antologia di racconti dell’orrore.

Clicca qui per vedere il trailer.

Metodologia

 

L’analisi è stata svolta su un campione di 100 persone*, sul territorio italiano che hanno visionato i trailer in ordine casuale. Tutto il processo di analisi è avvenuto tramite piattaforma cloud-based. I respondent hanno ricevuto un link attraverso il quale hanno visionato i trailer e in real-time sono stati acquisiti i dati sulle risposte emotive ottenute attraverso l’estrazione delle action unit codificate dallo psicologo Paul Ekman. I risultati ottenuti, una volta aggregati, hanno fornito le risposte emotive divise sulle sei emozioni primarie (gioia, tristezza, rabbia, paura, disgusto e sorpresa).

La classifica non tiene conto della bellezza del film in sé ma solo di quello che trasmette il trailer, considerando in questo contesto solo due emozioni primarie: paura e disgusto.

Per approfondimenti sulla nostra metodologia clicca qui.

 

*A partire da una numerosità di 100 respondents, il campione assume una rappresentatività statistica sufficientemente robusta da poter essere inferita al restante universo campionario con un grado di confidenza probabilistica superiore al 95%.

Risultati

 

I risultati ottenuti evidenziano frequenti e marcati scostamenti per le due emozioni prese in esame (paura e disgusto) sul trailer di IT Capitolo 2 che si aggiudica il primo posto. Un kpi specifico “Fear Factor” che pesa le due emozioni fornendo un risultato immediato sull’indice di paura e disgusto provati dall’audience su una scala multifattoriale che si esprime in valori da 1 a 10.

Fear Factor

1.

Image module
Image module

2.

Image module
Image module

3.

Image module
Image module

4.

Image module
Image module
Analisi IT Capitolo 2
Image
Emozioni complessive

Come primo elemento positivo si evidenzia subito una predominanza dell’emozione della paura su tutte le altre 5 emozioni primarie.

Image module
Paura

Abbiamo indicato i punti con lo scostamento più forte dell’emozione della paura che avvengono in alcune scene specifiche.

Image module
Image module
1. Tunnel con l’acqua

Il primo vero picco di paura avviene quando vediamo il tunnel sotterraneo che si inonda d’acqua.

Image module
2. Labirinto di vetro

Un secondo picco di paura viene registrato quando abbiamo la scena del labirinto di vetro nel luna park, la persona intrappolata, senza via d’uscita genera subito nello spettatore ansia e paura.

Image module
3. Bambino

Sempre all’interno del labirinto abbiamo la scena successiva quando vediamo il bambino, intrappolato anch’esso all’interno dei vetri. La situazione di blocco che non lascia via d’uscita fa segnalare un nuovo picco di paura che fa aumentare l’intensità rispetto alla scena precedente perché si aggiunge un terzo personaggio, Pennywise.

Image module
4. Frigorifero

Un altro picco di paura lo registriamo quando vediamo l’inquadratura, molto cupa, di quello che sembra un frigorifero abbandonato che si muove. La location spoglia e dimessa aiuta a generare questa sensazione di ignoto. L’attesa di scoprire cosa è contenuto nel frigo fa aumentare questa emozione.

Image module
5. Tunnel

Proseguendo abbiamo un’altra scena molto cupa girata all’interno del tunnel, dove i protagonisti si muovono illuminati solo dalle torce. Il tunnel decadente e buio genera nello spettatore paura perché anche in questo caso c’è l’aspettativa che qualcosa brutto sta per accadere.

Image module
6. Pennywise

L’ultimo scostamento importante lo segnaliamo sul primo piano di Pennywise, il pagliaccio protagonista della saga IT. Il suo volto, con il trucco rovinato e pieno di sangue genera immediatamente la paura.

Conclusioni

 

Questo trailer riesce ad agire su numerose leve, che fanno generalmente parte delle classiche paure dell’uomo centrando l’obiettivo di generare paura nell’audience. Molto interessante da notare che i picchi dell’emozione della paura sono costanti per tutta la durata del video rendendo di fatto il trailer molto performante. Sapete quindi come passare la vostra serata di Halloween!

Vuoi approfondire la nostra metodologia?

RICHIEDI UNA DEMO
div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.emotiva.it/storage/2019/10/scary-e1572516815902.png);background-color: #002f52;background-size: contain;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 400px;}